M5S News

Caos Aqp, M5S: «Via De Sanctis»
Ma Emiliano non molla

Gestione ricca di consulenze e sprechi. E per il Cda spunta Spina
L’appuntamento con l’assemblea per bilancio e cariche

La gestione dell’Acquedotto Pugliese, tra il boom delle consulenze e una programmazione pluriennale ferma al palo, finisce nel mirino dello scontro politico. Tanto che il Movimento 5 Stelle attacca a volto aperto il presidente di Aqp, Nicola De Sanctis, chiedendo al governatore della Puglia, Michele Emiliano (che all’atto di nomina l’ha definito «il migliore sul mercato»), di «allontanarlo» immediatamente da una società che è patrimonio dei pugliesi. Questo dopo le stoccate del Collegio sindacale che, in una relazione, ha definito la gestione De Sanctis poco trasparente in materia di affidamento di incarichi interni e esterni. Molti dei quali inopportuni. «La relazione del Collegio sindacale — ha attaccato in conferenza stampa Antonella Laricchia, consigliera del M5S — conferma i dubbi da noi sollevati già a dicembre scorso in una interrogazione, a cui è pervenuta risposta “appena” sei mesi dopo. Una risposta che lascia da un lato parecchi quesiti aperti. I punti rilevati riguardavano proprio la trasparenza e l’affidamento di incarichi inopportuni, interni e esterni, in Acquedotto Pugliese. In particolare si contesta un anomalo ammassamento di potere nella figura del presidente De Sanctis».