M5S News

Bilancio e consuntivo 2016, M5S: "Fare chiarezza sui conti"

È polemica a Canicattì per il ritardo dell'approvazione del bilancio preventivo e consuntivo del Comune. Sulla vicenda intervengono Fabio Falcone e Rosario Barbagallo, rispettivamente portavoce in Consiglio comunale e portavoce del meetup Canicattì del M5S

"Un miraggio - scrivono in una nota - si tratta proprio di un miraggio il fatto che sia il bilancio previsionale 2017 che il consuntivo 2016 venissero presentati in Consiglio comunale e successivamente approvati entro il 31 marzo e il 30 aprile. E lo sarà, chissà per quanto tempo dal momento che i documenti da sottoporre al voto devono essere consegnati, per legge, ai Consiglieri comunali almeno 20 giorni prima".

"Secondo quanto stabilito dal decreto legislativo 18 agosto 2000, - proseguono gli esponenti del M5S - il rendiconto della gestione è deliberato entro il 30 aprile dell'anno successivo dall'organo consiliare, tenuto motivatamente conto della relazione dell'organo di revisione. La proposta è messa a disposizione dei componenti dell'organo consiliare prima dell'inizio della sessione consiliare in cui viene esaminato il rendiconto entro un termine, non inferiore a venti giorni, stabilito dal regolamento di contabilità. Non vorremmo assolutamente trovarci a dover analizzare il bilancio nel mese di agosto, periodo di vacanze e di programmazione per il nuovo anno in arrivo".

"Chiediamo un azione di responsabilità da parte di questa amministrazione, - concludono - che possa presto fare chiarezza sulla condizione finanziaria del nostro Comune. La cittadinanza ha la necessità di comprendere la reale condizione dell’ente, quali sono le reali capacità di spesa ed che si possano presto analizzare il bilancio".