M5S News

L'avvocato di Beppe Grillo: se Raggi patteggia via il simbolo

24 Giugno 2017

L'avvocato di Beppe Grillo: se Raggi patteggia via il simbolo

ROMA. "Non lo dico io: lo dice il codice etico del M5S. Con la condanna in primo grado o con il patteggiamento saremo costretti a togliere il simbolo alla sindaca Virginia Raggi". Lo afferma al Messaggero Andrea Ciannavei, avvocato di Beppe Grillo.

E aggiunge: "In questo momento non è assolutamente nei nostri pensieri, non ci pensiamo neanche a un'ipotesi del genere, perché non è all'orizzonte". "Il rinvio a giudizio - spiega - non determina alcunché, il codice etico parla chiaro, è la condanna in primo grado a far scattare altro. A quel punto si toglie il simbolo. Ma è un'ipotesi a cui non vogliamo pensare e non ci sono motivi per pensarci. Sul rinvio a giudizio il codice etico è molto chiaro: può rimanere. Al contrario, per la condanna in primo grado si procede con fermezza".

Sulla possibilità che ci siano eccezioni o strappi alle regole, Ciannavei è netto: "No, il nostro è un meccanismo molto più rigido rispetto a quello degli altri partiti che non si sono dotati di questi accorgimenti".

Sul fatto che il codice etico sia stato cambiato lo scorso dicembre subito dopo l'inchiesta sul Campidoglio, il legale di Grillo afferma: "E' vero: prima bastava un semplice avviso di garanzia, adesso il nostro regolamento è molto più garantista e prevede la condanna in primo grado. Se anche gli altri partiti seguissero il nostro modello ci sarebbe un parlamento più pulito".