M5S News

Toti finanzia con 100mila euro Del Debbio, il M5s: "Ennesima marchetta"

Il sostanzioso finanziamento della Regione Liguria al “Paolo Del Debbio show”, ovvero centomila euro per cinque serate al giornalista ex candidato di Forza Italia Del Debbio, collega a Mediaset del presidente della Regione Toti, fa infuriare il M5s in Regione.
Il gruppo parla apertamente di “marchetta” e di “Regione succursale di Mediaset”.
IN effetti ci sono alcuni precedenti. A iniziare dall’ex segretaria del predecessore di Toti al Tg4, Emilio fede. Roberta Ferraro, che ha lasciato il posto pochi mesi fa venne assunta con un contratto da star pari a 140 mila euro all’anno.
Poco tempo fa altra guest star Mediaset. L’altro collega di Toti Giuseppe Brindisi ingaggiato come presentatore per un’iniziativa sul turismo in Liguria  (Brindisi ne sapeva assai poco, ma Toti spiegò che serviva la sua capacità di “gestore del palco”).
E ora i centomila euro che serviranno secondo il governatore a pubblicizzare la Liguria. La prima puntata dello show è andata in scena ieri sera ad Alassio e tra i coprotagonisti dello spettacolo (appaltato al promoter genovese Vincenzo Spera), che si suppone siano stati ospitati per vitto e alloggio e trasporto dalla Regione, cioè dai cittadini liguri, c’erano Daniela Santanchè l’ex (sfortunato) commissario del Pd Liguria David Ermini, il giornalista Mediaset Mario Giordano e la giornalista dell’Unità Claudia Fusani.
Ecco il comunicato del M5s: “Cento mila euro di soldi pubblici per quattro serate in piazza condotte dal giornalista Paolo Del Debbio, volto di Rete Quattro, amico ed ex collega di Toti che poche settimane fa aveva presentato il comizio di chiusura della campagna elettorale di Bucci in piazza Matteotti. Nell’ultima marchetta della Regione Liguria c’è una quantità di conflitti di interessi e spreco di denaro pubblico da far gelosia a Berlusconi. D’altronde, che piazza De Ferrari fosse ormai diventata una succursale di Mediaset era ormai sotto gli occhi di tutti. Ma Toti sembra voler far di tutto per ricordarcelo ad ogni occasione, in totale sprezzo del ruolo di istituzionale che dovrebbe rappresentare. Il presidente della Regione faccia al più presto chiarezzasulle procedure con le quali si è scelto di investire i soldi dei cittadini liguri in questo tour. Qual è il valore culturale dell’operazione? Quali ricadute ci si attendono sul territorio? Non sarebbe stato più opportuno investire la stessa cifra per eventi culturali, sociali o turistici che interessano davvero i liguri, invece di propinargli l’ennesimo talk show politico con i soliti noti, di cui gli italiani ormai hanno piene le tasche?”