M5S News

Firenze, il Restitution day del M5S: 120 mila euro per l'edilizia scolastica

Il Movimento 5 Stelle della Toscana lancia un appello ai dirigenti scolastici: "Sul piatto ci sono 120 mila euro tagliati da indennità e rimborsi non rendicontati dei consiglieri regionali M5S, possono servire per mettere in sicurezza scuole e asili". I 120 mila euro è la cifra del secondo Restitution day, l'iniziativa con cui i consiglieri regionali grillini devolvono indennità e rimborsi non rendicontati. Ieri il grande assegno con è stato presentato dal vicepresidente della Camera dei Deputati Luigi Di Maio e dal candidato sindaco di Carrara Francesco De Pasquale.

L'anno scorso il Restituation day toscano servì a finanziare l'acquisto di 100 defibrillatori donati 10 per provincia ad associazioni, società sportive, comuni. Quest'anno invece i fondi andranno all'edilizia scolastica:
econdo Restitution day del gruppo Movimento 5 Stelle Toscana oggi a Firenze: un appello ai dirigenti scolastici per raccogliere le loro richieste, sul piatto 120 mila euro tagliati da indennità e rimborsi non rendicontati dei consiglieri regionali M5S. Presenti in conferenza stampa insieme ai consiglieri regionali M5S Luigi Di Maio, vicepresidente della Camera dei Deputati, e Francesco De Pasquale, candidato sindaco M5S per Carrara. 

“L’80% delle scuole toscane non rispetta le norme antisismiche – ha spiegato Giacomo Giannarelli, presidente del gruppo M5S Toscana - circa la metà degli istituti è senza certificazione antincendio e ancora oggi in alcune zone della regione come Aulla gli studenti fanno lezione nei container. Abbiamo istituti dove non si possono sbattere le porte perché altrimenti l’amianto si disperde nell’aria e strutture dove studenti, docenti e personale Ata convivono con transenne e aree inagibili". I consiglieri regionali hanno spiegato che i dirigenti scolastici potranno da oggi entrare sul sito web, cliccaresulla pagina creata appositamente e dichiarare la necessità per la propria scuola di ricevere un contributo. "
 
"Auspichiamo ampia adesione – ha aggiunto Andrea Quartini - e chiediamo ai dirigenti scolastici di evitare discriminazioni poco sensate. Abbiamo dimostrato durante il primo Restitution che non ci interessa la pubblicità. Dove portavamo il defibrillatore e qualcuno storceva il naso per il simbolo M5S lo abbiamo addirittura coperto".