M5S News

Superbonus 110%, Anastasi (M5S): "Adesso nessuna scusa per non rinnovare casa"

Con il decreto Rilancio si potrà beneficiare di incentivi per l'adeguamento energetico e sismico con una detrazione del 110% in dichiarazione dei redditi o costo zero. Ecco come funziona, chi riguarda e come chiederlo.

Nell'ambito del Green New Deal e del rilancio del settore edilizio il governo ha varato un piano di incentivi aumentando l'aliquota di detrazione di Ecobonus e Sismabonus sino al 110%. Ma non è questa l'unica novità introdotta. L'importo in detrazione potrà essere ceduto come credito di imposta o scontato, in modo da rendere utilizzabile il bonus anche per chi non ha liquidità. 

Sputnik Italia ha incontrato il senatore Cristiano Anastasi, del M5S, membro della commissione Commercio, Industria e Turismo, una delle cinque commissioni che ha lavorato sul provvedimento di super-incentivi.

— Senatore Anastasi, il superbonus 110% è stato definito il fiore all'occhiello del Decreto Rilancio, attraverso cui iniziare la rivoluzione verde rilanciando l'edilizia. A cosa servirà e quali ambiti toccherà?

— È un piano che permetterà di riqualificare l'intatto parco edilizio, in particolare quello condominiale risalente agli anni '60-70, fortemente inefficiente dal punto di vista energetico e sproporzionato dal punto di vista sismico.

Ciascun proprietario di casa potrà investire sul proprio immobile e migliorarlo energeticamente e adeguarlo agli standard antisismici. Queste migliorie avverranno a costo zero o addirittura con un guadagno in 5 anni del 10% in detrazione, un tasso superiore a quello dei titoli di stato.

A questo abbiamo aggiunto incentivi al 110% per gli interventi di sostituzione delle caldaie o pompe di colore elettriche, ma devono avere tutti un elevato livello di efficacia. Questo consentirà di tagliar fuori il mercato di fascia bassa di esclusiva fornitura orientale, favorendo i produttori nazionali.