M5S News

M5s e Casaleggio pronti a prendersi Ivrea  - Cronaca - La Sentinella del Canavese

Cerca su La Sentinella del Canavese

IVREA. Il Movimento 5 stelle scalda i motori in vista delle elezioni comunali della primavera 2018 e lo fa alla guida di Davide Casaleggio, presidente della Casaleggio associati, figlio di Gianroberto, cofondatore del M5s con Beppe Grillo.


Davanti a una quarantina di persone riunite all’oratorio San Giuseppe, Casaleggio ha tracciato la strada che porterà i pentastallati a scrivere il programma della amministrative e a selezionare i candidati. La prima riunione, che si è tenuta lo scorso 28 giugno rigorosamente a porte chiuse, è solo la prima tappa di un cammino che da adesso in poi punta al coinvolgimento attivo della comunità, una partecipazione dal basso considerata da Davide Casaleggio «irrinunciabile per realizzare l’alternativa necessaria di cui Ivrea ha bisogno». Un metodo di lavoro, con gruppi di lavoro e riunioni aperte, che potrà in futuro essere esportato anche in altre realtà.

La città di Olivetti si conferma così un laboratorio politico per il Movimento 5 stelle che a giugno, sempre per volontà di Casaleggio, aveva ospitato alle Officine H una sorta di stati generali con economisti, giudici, giornalisti, professori e scienziati impegnati a discutere del futuro e a ricordare la figura di Gianroberto Casaleggio a quasi un anno di distanza dalla scomparsa.

Alla prima riunione, a lato a Casaleggio, c’erano il consigliere comunale di Ivrea Pierre Blasotta, il consigliere regionale Davide Bono e il parlamentare Ivan Della Valle. In modo informale si sono definite le aree di competenza dei gruppi di lavoro e le persone che vi collaboreranno. I gruppi corrispondono grosso modo alle commissioni permanenti istituite nel consiglio comunale di Ivrea. Le aree tematiche sono quelle del Bilancio, Urbanistica, Ambiente, Sanità e servizi sociali, Cultura e istruzione.

«Durante il periodo estivo si cercherà di analizzare le criticità della nostra città che aspettano soluzioni da anni, valutando le possibili soluzioni - spiega Pierre Blasotta -. In questa fase preliminare, grazie al confronto, si elaboreranno le idee generali di sviluppo della città. Le persone impegnate sul Bilancio forniranno le prime indicazioni necessarie a legare la progettazione alle effettive disponibilità finanziarie del Comune». «Adesso - fa capire Blasotta - dobbiamo passare da forza di opposizione a gruppo capace di amministrare Ivrea in maniera trasparente e con obiettivi concreti e raggiungibili».

A settembre è prevista una seconda riunione generale durante la quale ogni gruppo presenterà il lavoro svolto relativo alle proposte “guida” sviluppate. Nei mesi autunnali, invece, attraverso il coinvolgimento dei cittadini, delle associazioni e dei rappresentanti di categoria si procederà alla stesura della bozza di programma. Seguiranno incontri aperti con la cittadinanza per raccogliere proposte e integrazioni con l’intento di implicare attivamente la comunità eporediese alla stesura definitiva di un programma realmente partecipato.

«L’analisi del bilancio del Comune e il lavoro dei gruppi - aggiunge il consigliere Blasotta che nel 2012 fu il candidato alla carica di sindaco - potrà contare sull’attiva collaborazione di consulenti interni al gruppo consigliare della Regione Piemonte dove si trovano competenze specifiche relative al quadro normativo dei finanziamenti regionali ed europei. Si cercheranno collaborazioni con la città di Torino e la Città Metropolitana attraverso lo sviluppo di progetti comuni».