M5S News

E' polemica in V municipio: "M5s usa ex sala consiliare come sezione politica"

L'ex sala consiliare del municipio a disposizione del Movimento Cinque Stelle il mercoledì sera, dalle 21. Riunioni politiche settimanali - l'appuntamento è fisso - che a seguito di una denuncia dell'opposizione, hanno alzato un polverone. 

"I pentastellati da tre anni organizzano riunioni politiche in una sede istituzionale, pubblicizzandole anche attraverso delle cartoline illustrative oltre che sul sito del movimento, un vero abuso di potere". A sollevare il caso è il consigliere capitolino di Fratelli d'Italia Francesco Figliomeni, che a proposito ha presentato un'interrogazione con richiesta di parere al Segretariato generale. Ma cerchiamo di capire meglio. 

Stiamo parlando dello spazio, inutilizzato da anni, nella sede municipale di via di Torre Annunziata. Per la sua gestione non esiste un regolamento scritto e definito. Associazioni, comitati di quartiere, enti culturali, partiti politici possono fare richiesta alla segreteria del municipio compilando un appropriato modulo. L'ok è a discrezione dell'ufficio. Il Movimento Cinque Stelle lo usa da quando era all'opposizione, con un permesso accordato durante la vecchia consiliatura. E non è la prima forza politica a "occuparla" per riunioni di partito. 

"Una vergogna che non tiene conto delle tante associazioni culturali e sociali, oltre che comitati di quartiere ubicati sul territorio che non possono contare sulla disponibilità di locali per svolgere le loro iniziative - commenta Figliomeni - senza contare tra l’altro che nella sede municipale di via di Torre Annunziata sono presenti diversi uffici dal demografico al patrimonio, da quello delle entrate a quello dei Vigili Urbani, che contengono dati sensibili e documentazione riservata lasciati in balia degli attivisti di un movimento politico. Chiediamo chiarezza in merito a questa condizione che denota il consueto atteggiamento dubbio del M5S". In realtà, comitati e associazioni dovrebbero poter utilizzare quello spazio. Fermo restando che non c'è una regola. 

"La sala è del municipio a disposizione di tutti i cittadini. Anche altre forze politiche ne hanno chiesto e ottenuto l'utilizzo, anche Fratelli d'Italia e Noi con Salvini" si difende Giovanni Boccuzzi, presidente grillino del V municipio. Interpellato da RomaToday replica alle accuse. "Basta chiedere il permesso e lo spazio può essere usato per riunione in orario serale. Faceva così anche il mio predecessore (l'ex presidente dem Palmieri, ndr)". Quindi chiunque può avere a disposizione lo spazio? "Chiunque per riunioni politiche o comunque legate ad attività che interessano il territorio. Certo non per una festa privata". E chi decide se ammettere o respingere la richiesta? "L'ufficio di presidenza". Non c'è un regolamento definito, lo spazio è pubblico, in capo al municipio, e chiunque - in teoria - potrebbe utilizzarlo: "Basta fare domanda". I costi però, dall'utenza al personale, sono a carico della cittadinanza.