M5S News

I pm sulla trattativa «Istituzioni tradite dal patto con i clan»

Il primo test su governo M5S parte dalla piazza piena, ma non troppo, di Ostia. Il centrodestra corre unito ma si separa nei comizi finali. E il Pd porta i big sul mare ma non riesce a radunare nemmeno cento persone. Ultimo giorno di campagna elettorale ieri nel X Municipio, che tornerà al voto dopo oltre due anni di commissariamento per mafia. Unfondamentale per tutti, spartiacque per decidere future coalizioni nazionali - insieme alle regionali siciliane - e verifica generale della tenuta su Roma dei grillini. Scenario da cortocircuito quello delle ultime ore, con piazze presidiate dalle forze politiche, ma distanti non più di cento di metri l’una dall’altra. Con l’eco della musica del dj-set sul palco di Salvini (sul Pontile) a rimbalzare nell’isola pedonale dei grillini e fino alla piazzetta semi-deserta dei dem. Lontani, nella borgata di Acilia, quelli che potrebbero essere la sorpresa della tornata, i militanti di Casapound: pronti (almeno al primo turno) a scippare voti alla destra e prosciugare i temi sociali della sinistra.