M5S News

NTR24.TV – News su cronaca, politica, economia, sport, cultura nel Sannio

“Leggiamo con meraviglia sugli organi di informazione locale la replica del presidente della Cooperativa sociale “Bartololongo” che “boccia” la richiesta del MoVimento 5 Stelle, rivolta al Comune di Benevento, di consentire il libero accesso della cittadinanza nei giorni festivi alla Colonia Elioterapica, spazio pubblico comunale la cui gestione è stata affidata in concessione quinquennale alla predetta cooperativa.

Lo stupore – scrive la consigliera comunale M5s a Palazzo Mosti, Anna Maria Mollica – nasce dal fatto che il presidente Montella, nell’esporre le proprie argomentazioni a sostegno della mancata apertura della predetta struttura nei giorni festivi, sbaglia completamente destinatario. Non ha ben chiaro che l’invito rivolto alla Cooperativa a “voler provvedere a tenere aperta la struttura nelle giornate festive, secondo quanto dalla stessa prospettato in sede di gara per l’aggiudicazione dell’immobile” gli è stato indirizzato dal Comune stesso, titolare degli atti che definiscono l’accordo tra i contraenti (le cosiddette “carte” che non si capisce chi non abbia letto…).

È evidente, a questo punto, che un equivoco si è verificato tra le parti e noi chiediamo che venga chiarito al più presto, assicurando un pubblico riscontro.

Intanto, il Movimento 5 Stelle – prosegue nella nota – continuerà a battersi anche nelle commissioni consiliari competenti, facendosi portavoce delle numerose richieste pervenute dagli abitanti del Rione Ferrovia, perché i cancelli della Colonia Elioterapica rimangano aperti la domenica e nei giorni festivi, per consentire alla cittadinanza di godere di quella struttura pubblica quando dispone di maggiore tempo libero.

Riguardo alla supposta assenza della scrivente alle manifestazioni organizzate presso la struttura, – conclude la Mollica – la stessa fa presente che vi ha preso parte più di una volta ma, non dovendo esibire una inesistente divisa da consigliere comunale, non è stata riconosciuta dal presidente della cooperativa, che a sua volta non ha il piacere di conoscere”.