M5S News

Scuola, M5S: "In manovra 4 miliardi nel sistema d'istruzione"

"La scuola al centro dell'agenda politica per il presente e il futuro del Paese"

 "La manovra che sta per giungere in Parlamento conferma il grandissimo impegno del governo e della ministra Azzolina in particolare in favore della scuola in questo momento cosi' delicato. Con la legge di Bilancio investiamo quasi 4 miliardi nel sistema d'istruzione, di cui 2,2 per la spesa corrente e 1,5 miliardi per la spesa per investimenti. Le misure principali riguardano: l'ampliamento della dotazione organica sui posti di sostegno, i fondi destinati alla digitalizzazione delle scuole e alla formazione dei docenti, l'assunzione di assistenti tecnici nel primo ciclo d'istruzione". Lo scrivono in una nota i capigruppo del Movimento 5 Stelle in commissione Istruzione al Senato e alla Camera, Bianca Laura Granato e Gianluca Vacca.

"Per quanto riguarda le misure per l'inclusione degli alunni con disabilita', oltre a garantire 25mila posti in piu' nel prossimo triennio sul sostegno, destiniamo 30 milioni di euro per l'acquisto di ausili didattici. Il Governo, poi, ha stanziato 15 milioni per il potenziamento dei sistemi informatici e 50 milioni per l'implementazione del sistema duale. Per cio' che attiene gli assistenti tecnici, oltre alla proroga dei contratti avviati con il decreto Rilancio fino al termine dell'anno scolastico, e' fondamentale la misura che prevede l'assunzione di altri 1000 assistenti a regime, dal 1° settembre prossimo, nel primo ciclo d'istruzione" aggiungono.

"Maggiori risorse, inoltre, sono destinate a regioni e comuni per il trasporto scolastico e per l'ampliamento dei posti disponibili negli asili nido statali. Infine, tra le altre misure rilevanti c'e' l'attribuzione di giga gratuiti a docenti e studenti nell'ambito della didattica digitale integrata. Misure concrete, che segnano uno sforzo mai visto prima grazie alle quali la scuola continua ad essere al centro dell'agenda politica per il presente ed il futuro del Paese" concludono i capigruppo pentastellati.
(ITALPRESS).