M5S News

Idroelettrico, Panza (Lega): Pd e M5s giù le mani dai canoni, l'ennesimo torto ai territori montani

non hanno ancora capito che i canoni idrici non sono un regalo fatto dai Concessionari per loro gentile disponibilità, ma un atto di giustizia sociale nei confronti di quei territori che vedono le proprie risorse sfruttate – commenta così l'europarlamentare Alessandro Panza, responsabile del dipartimento montagna della Lega, la norma comparsa nell'ultima bozza del progetto di legge di bilancio 2021 - una rapina - secondo l'onorevole ossolano - l'ennesimo torto ai territori montani.

Ancora una volta Pd e 5Stelle si dimostrano nemici delle autonomie locali -prosegue l'eurodeputato-. Non si capisce esattamente quale sia il vantaggio di queste scelte per i territori, mentre sono evidenti invece i vantaggi per i Concessionari, che si vedrebbero regalare altri 4 anni di concessioni gratis, oltre all'innalzamento della soglia nominale per la definizione di “Grande invaso” che abbasserebbe del 60% le concessioni che vanno alle Regioni, lasciandole quindi di fatto ai Concessionari. Inoltre la realizzazione di un doppio regime non farebbe altro che creare disparità e confusione nelle normativedichiara l'europarlamentare della Lega.

Non c'è niente da fare, la sinistra continua a considerare la montagna alla stregua di una colonia dal quale si possono impietosamente togliere risorse. Per la Lega l'approccio deve essere completamente diverso, i territori devono essere messi nelle condizioni di poter usufruire appieno delle proprie risorse, rigettando politiche assistenziali che non hanno portato a nessun concreto sviluppo o salvaguardia dei territori montani". (c.s)