M5S News

Abruzzoweb, il portale delle notizie in Abruzzo - Notizie a Chieti, l'Aquila, Pescara e Teramo

PESCARA – "Fu anche Carlo Masci, assessore della giunta Pace, a portare il mercatino dei senegalesi da Piazza l Maggio nell’Area di Risulta nel 1995, così come dimostrano le carte".

E' quanto afferma, in una nota, Erika Alessandrini, candidata sindaco del Movimento 5 Stelle in vista delle prossime comunali a Pescara.

"Proprio Carlo Masci assessore e presente in giunta nella votazione della delibera 1009 del 4 luglio 1995 votò a favore per spostare 'temporaneamente' il mercatino nell'Area di Risulta - spiega - Decise di collocarlo in posizione centrale, in adiacenza alla viabilità di collegamento tra la vecchia e la nuova stazione e già allora la merce venduta, come tutti ricorderanno, era composta da maglieria, abbigliamento, cassette musicali e poi cd contraffatti. Una condizione proseguita ed aggravata quando il centrosinistra di D’Alfonso nel 2005 traslocò il mercatino nell’area antistante il rilevato ferroviario, dove è rimasto per i successivi 10 anni". 

"Dal 2005 al 2015 il mercatino etnico, senza una regolare autorizzazione - aggiunge Alessandrini -, è passato indenne anche ai cinque anni dell’Amministrazione di Albore Mascia, con Carlo Masci presente, insieme all'allora consigliere Lorenzo Sospiri, che oggi sembra voglia far credere a tutti che non abbia mai amministrato Pescara".

"Sarebbe ora che il centrodestra smettesse di cavalcare il risentimento popolare verso una condizione di illegalità da loro stessi generata - continua Alessandrini - e dalla quale per 13 anni hanno sempre distolto lo sguardo. Facile oggi fare un 'rattoppo mediatico' per fare propaganda elettorale".

"Il MoVimento 5 stelle ribadisce che il sistema dei mercati rionali di Pescara va rafforzato, per l’alto valore sociale che rappresentano e che queste sedi devono garantire un posto per tutti, a tralasciare dalla provenienza delle merci e della etnia dei commercianti. L’integrazione si fa insieme - conclude -, non ghettizzando una parte, isolandola dal resto".