M5S News

I numeri del lavoro: due veri e un falso per il M5S

 in contemporanea la terza Nota congiunta sulle tendenze dell’occupazione. I dati si riferiscono ai primi tre mesi del 2017. Questa pubblicazione è stata commentata con toni piuttosto duri dai portavoce del M5S alle Commissioni Lavoro di Camera e Senato, 

. Vediamo le critiche principali all’operato del governo e i numeri su cui si basano.

. Nel primo trimestre del 2017 aveva un lavoro, in Italia, il 57,6 per cento delle persone tra i 15 e i 64 anni (dati destagionalizzati): ovvero 22,8 milioni di persone.

Negli ultimi dieci anni (2008-2017), si è toccato il minimo nel terzo trimestre del 2013, quando il tasso di occupazione era del 55,4 per cento, e il massimo nel secondo trimestre del 2008, quando si raggiunse il 58,8 per cento. Allora gli occupati erano 23,1 milioni, su una popolazione che era oltretutto un po’ inferiore. Prima dell’inizio della crisi, bisogna tornare al 2005 per trovare tassi di occupazione più bassi di quelli di oggi. Dunque è vero che i livelli occupazionali pre-crisi non sono ancora stati recuperati.

2. «Soprattutto dal 2016, ovvero, dal momento in cui gli sgravi contributivi previsti nel Jobs Act sono stati fortemente ridotti, a crescere sono stati principalmente i contratti a tempo determinato»

 nei contributi previdenziali da versare per quei lavoratori.

: +75 mila rispetto a +42 mila.

 con +271 mila posizioni lavorative di quel tipo; nell’ultimo trimestre, poi, i lavori a tempo indeterminato sono tornati a crescere di più – in termini assoluti – rispetto a quelli a tempo determinato. È comunque vero che nel secondo, terzo e quarto trimestre del 2016 la crescita maggiore è stata nelle posizioni lavorative a termine e che su questo, anche secondo la Nota, ha avuto un ruolo la fine delle decontribuzioni.

I portavoce del M5S dichiarano che «i giovani continuano ad essere la categoria più penalizzata. Sul punto, infatti, bisogna evidenziare il calo tendenziale dello 0,9% (-85 mila unità), proprio nella fascia di persone che hanno fra i 35 ed i 49 anni».

 nel primo trimestre del 2017 secondo tutti gli indicatori.

Insomma, è sbagliato interpretare i numeri più recenti come la prova che i giovani continuino ad essere la categoria più colpita dalla crisi, a livello occupazionale.