M5S News

Pimonte, Frediani (M5S): didattica in presenza non percorribile

Pimonte, Frediani (M5S): didattica in presenza non percorribile

Torino, 17 nov. (askanews) – “In questi giorni il tema della scuola sta tornando prepotentemente al centro dell’attenzione perché ci sono delle legittime richieste da parte di studenti che auspicano un ritorno in aula, ma la didattica in presenza a tutti i costi”, a fronte dei dati sul contagio “non sembra una soluzione percorribile almeno a breve termine”. E’ la posizione espressa dalla consigliera regionale Francesca Frediani (M5S), che oggi ha chiesto all’assessore alla Sanità del Piemonte, Luigi Icardi di riferire in Consiglio a proposito dei contagi tra studenti e personale scolastico nella regione.

“Sono 27.440 gli studenti piemontesi sottoposti a tamponi e di questi 5625 sono risultati positivi. Nell’ultima settimana la diagnosi è stata effettuata su 2.414 ragazzi con 830 positivi, circa il 30% sul totale. Valori simili per gli operatori scolastici: 10.370 tamponi effettuati e 3364 positivi. Il quadro che emerge da questi dati ottenuti non senza difficoltà oggi in Consiglio Regionale, è preoccupante”, ha chiosato Frediani.

“Non tanto per i valori in sé, ma perchè sappiamo che, dietro ogni tampone e dietro ogni positività accertata, ci sono famiglie che devono affrontare lunghi periodi di incertezza e gestire condizioni di isolamento che spesso non consentono ai ragazzi di accedere alle didattica a distanza”, ha spiegato la pentastelata.

“In questi giorni il tema della scuola sta tornando prepotentemente al centro dell’attenzione perché ci sono delle legittime richieste da parte di studenti che auspicano un ritorno in aula, ma la didattica in presenza a tutti i costi, a fronte di questi dati, non sembra una soluzione percorribile almeno a breve termine. Il primo obiettivo delle istituzioni deve essere garantire il diritto allo studio e la continuità didattica, utilizzando tutti gli strumenti che la tecnologia e la competenza degli insegnanti mettono a disposizione. E l’auspicio di tutti è, ovviamente, che l’emergenza passi al più presto e si possa tornare a vivere le nostre scuole”, ha concluso.