M5S News

Roma, M5S: ridicolo blitz Lega campo rom: sistema creato da loro

Roma, M5S: ridicolo blitz Lega campo rom: sistema creato da loro

Roma, 19 nov. (askanews) – “La Lega vive in campagna elettorale permanente all’insegna di slogan e spot. Oggi la consigliera regionale Laura Corrotti annuncia di aver effettuato un sopralluogo presso il campo rom di via di Salone. Dimentica però che il sistema dei campi a Roma è stato architettato proprio dalla Lega. Era il maggio 2008 quando il leghista Roberto Maroni – allora ministro dell’Interno – firmò il decreto ‘emergenza nomadi’, con cui finanziò tramite 30 milioni di euro la costruzione dei campi nella capitale, la cui attuazione fu affidata all’allora sindaco Gianni Alemanno. In pratica oggi la Lega si scaglia contro lo stesso sistema che mise in piedi lei stessa nel 2008. Una madre che disconosce il proprio figlio poco dopo la sua nascita. Che tristezza”. La replica del M5S di Roma all’iniziativa della Lega è affidata a un post su Facebook. “L’Amministrazione guidata da Virginia Raggi sta, invece, intervenendo proprio per superare quel sistema messo in piedi dalla Lega e chiudere un capitolo così buio per la città – continua il post -. E’ già stato pubblicato il bando per assegnare le attività di superamento del campo in via di Salone. E’ stato già effettuato un primo censimento da parte della Polizia Locale e il 2 dicembre gli assistenti sociali di Roma Capitale inizieranno un’opera di mappatura sociale e reddituale più dettagliata”. “E’ appena stato aggiudicato il bando per l’installazione di sistemi di videosorveglianza e sistemi sensibili per la termo rilevazione delle variazioni di temperatura – ricordano dal 5S -. Uno strumento fondamentale per contrastare i roghi tossici. Sono appena terminati i sopralluoghi propedeutici alla bonifica dei rifiuti nell’area. Stiamo ponendo rimedio ai danni prodotti in città da Lega e centrodestra. Il sopralluogo di oggi è soltanto l’ennesima rappresentazione del ridicolo di una classe politica che punta sempre a riciclarsi e rigenerarsi sulla pelle dei cittadini”, conclide il M5S,