M5S News

Progetto Tiberio: Italia Nostra risponde a Piccari, M5S interrogano, Sgarbi attacca

Italia Nostra Rimini risponde su Facebook a Enrico Piccari, capogruppo PD nel consiglio comunale di Rimini, che aveva stigmatizzato l’attività politica nel MoVimento 5 Stelle dell’ex presidente Battistel prima, ora assessore a Cattolica, e dell’attuale presidente Sonia Fabbrocino, di attuale candidata a Riccione sempre con il M5S:

“E’ uscito un articolo in cui vengono attaccati l’ex presidente Fausto Battistel e l’attuale Sonia Fabbrocino (http://www.chiamamicitta.it/progetto-tiverio-piccari-italia-nostra-italia-5-stelle/). Italia Nostra ribadisce che le sue attività sono indipendenti dalla politica, e anzi registra che quando la politica entra in campo, agli argomenti vengono opposte illazioni o attacchi (anche personali) che cercano di deviare una discussione che evidentemente dà fastidio. Mentre il capogruppo del PD Enrico Piccari mandava una lettera contro la nostra sezione, non si accorgeva che ITALIA NOSTRA NAZIONALE aveva già pubblicato un elenco dei più gravi scempi in Italia intitolato “Volgare attacco ai centri storici e ai loro monumenti” (http://www.italianostra.org/?p=53838). E Rimini è lì, con Mantova e La Spezia. Con tanto di foto, una a lato all’altra. Ne parla il presidente nazionale Oreste Rutigliano. E alla fine ci sono i recapiti dell’ufficio stampa nazionale di Italia Nostra. Qualora telefonare alla nostra sede dovesse ancora sembrare sconveniente a Piccari, ora se avrà bisogno di chiarimenti potrà rivolgersi al numero nazionale che trova nell’articolo sopra indicato. Da parte nostra, la sezione riminese di Italia Nostra, senza tener conto di messaggi privi di eleganza e di sostanza, e in ottemperanza al suo mandato, continuerà nella sua opera di controllo, difesa e tutela dei beni culturali e dell’ambiente”.

Intanto, dopo l’interrogazione alla Camera di Elio Massimo Palmizio, coordinatore regionale di Forza Italia, arriva anche quella del MoVimento 5 Stelle al Senato, sempre indirizzata al ministro dei Beni culturali Dario Franceschini e sempre con il fine di fermare il Progetto Tiberio.

Sul quale oggi si esprime anche Vittorio Sgarbi dalle pagine del Resto del Carlino: “Il Ponte di Tiberio non è un soprammobile – dice il critico d’arte ed ex sottosegretario – basta conservare quello che c’è e sarebbe già molto”.