M5S News

Governo: Di Maio premier a tutti i costi, Salvini non ci sta - Corriere.it

A distanza di oltre venti giorni dal voto, le posizioni dei due candidati premier dei partiti vincitori delle elezioni, tornano ai nastri di partenza: Di Maio e Salvini si contendono la leadership, a suon di dichiarazioni. «Il premier deve essere espressione della volontà popolare. Il 17% degli italiani ha votato Salvini Premier, il 14 Tajani, il 4 Meloni. Oltre il 32% ha votato il M5S e il sottoscritto come premier- dice Luigi Di Maio martedì sera, al termine di una giornata di muri e paletti tra M5S e Lega- Non mi impunto per una questione personale, è una questione di credibilità della democrazia. È la volontà popolare quella che conta. Farò di tutto affinché venga soddisfatta». Ma su Di Maio premier a tutti i costi Salvini non ci sta. Di Maio «non è neppure uno» per autoproclamarsi, dice Matteo Salvini durante la registrazione di

. «Se Di Maio dice `o io premier o niente´ non è il modo giusto per partire. Se Di Maio dice o io o neppure uno sbaglia, perché a oggi è neppure uno. Non puoi andare al governo dicendo o io o niente, altrimenti che discussione è?», insiste il segretario della Lega. La Lega, aggiunge, «ha già fatto passi indietro» per far partire il lavoro della Camere «ma non è che possiamo fare passi indietro su passi indietro».