M5S News

5 Stelle, perché hanno scelto la Camera: abolizione vitalizi e ghigliottina - Corriere.it

A Montecitorio i Cinque Stelle hanno il 36% dei deputati (oltre 225). A Palazzo Madama, invece, vantano «solo» 112 senatori. Il calcolo degli equilibri

Tre indizi non fanno una prova, ma forse spiegano meglio le motivazioni che hanno spinto i Cinque Stelle a puntare sulla presidenza di Montecitorio. Anzitutto, anche se può sembrare scontato, ci sono i numeri: la truppa pentastellata alla Camera è numerosa, pari — come ha detto Luigi Di Maio — al 36% (oltre 225) dei deputati. A Palazzo Madama, invece, i Cinque Stelle vantano «solo» 112 senatori, una percentuale lievemente inferiore (35,5%) ma in un quadro più frastagliato — anche internamente — dove il Movimento avrebbe qualche difficoltà in più a far sentire il proprio peso. In secondo luogo, suonano molto eloquenti le parole di Roberto Fico, che nel suo discorso di insediamento ha ricordato: «Niente scorciatoie». Ossia, se Fico riuscirà a dar seguito alle sue intenzioni, addio alla cosiddetta «ghigliottina», uno strumento parlamentare che i pentastellati hanno ferocemente combattuto nella scorsa legislatura. E uno strumento che di fatto stronca la discussione, aiutando l’esecutivo.