M5S News

Di Battista, la voce dell'anima movimentista del M5S - Corriere.it

A metà strada. Tra le elezioni di marzo e l’inizio del suo viaggio in America. Tra la politica attiva e le sortite da attivista che scaldano però gli animi del Movimento (e della base). Alessandro Di Battista vive questa prima fase del suo presente da ex deputato ancora con le luci della ribalta puntate addosso. I suoi attacchi a Silvio Berlusconi e Matteo Salvini hanno acceso le polemiche, fatto traballare — almeno secondo le indiscrezioni — la trattativa di governo tra Cinque Stelle e Carroccio. Il giorno dopo, lui, Dibba, postava sui social la prima lezione di nuoto del figlioletto in piscina. La politica? Di nuovo distante. Nonostante le voci di irritazione dei vertici del Movimento per le sue parole, nonostante un’anima — quella dei falchi, che ha perso la voce di Roberto Fico, ormai diventato volto istituzionale e super partes — abbia sposato la sua linea. L’ex esponente del direttorio finisce così suo malgrado per diventare un fantasma tra i gruppi parlamentari. Luigi Gallo, vicino a Fico, posta il suo intervento. Un altro componente del fu direttorio, Carlo Sibilia, commenta le consultazioni sulla falsariga del Dibba-pensiero: «Crediamo che nessun italiano meriti di essere rappresentato da una persona così poco seria e arrogante». Elio Lannutti su Twitter si schiera (sostenuto anche dal senatore Gianluca Castaldi): «M5S,tanto per essere chiari: rispetto lo sforzo per il governo con Di Maio premier, ma io sto con Alessandro Di Battista».