M5S News

ABBONATI SUBITO PER TE IL PRIMO MESE GRATIS!

Leggi illimitatamente tutti gli articoli del sito

Nicola Zingaretti appare sinceramente stupito per le accuse di subalternità al Movimento Cinque Stelle che gli sono state rivolte, anche all’intimo del suo partito, durante la due giorni all’ex abbazia di San Pastore.

dem in quel seminario a insistere sull’alleanza con i grillini: perché sorprendersi? «Contigliano - spiega il segretario - è stata l’occasione per aprire una fase nuova, esattamente l’opposto del rilancio del rapporto con i 5 Stelle. Piuttosto, un altro passo di una strategia di rafforzamento del Pd».

. «Con la soluzione di andare avanti con il proporzionale, il tema dell’alleanza con i Cinque Stelle per le elezioni non c’è più. C’è invece nell’ambito delle Regionali». E allora l’insistenza sull’alleanza con i grillini? «Noi vogliamo ribadire ovunque la necessità che questo deve essere un governo di alleati e non avversari. È questo il senso delle nostre affermazioni».
Già, il ritorno del proporzionale. C’è chi teme che coincida con un ritorno all’antico. In parole povere, bipolarismo addio. Ma Zingaretti è convinto che questo non avverrà: «L’Italia è e rimarrà bipolare. La Lega e il Pd sono i pilastri di questo bipolarismo. Del resto il nostro è l’unico partito della maggioranza di governo che si presenta ovunque in alleanze contro Salvini».

. Quello del rinnovamento del Partito democratico. È già stato archiviato? «No. Occorre un rinnovamento del Pd e una sua massima apertura. Lo Statuto del partito dopo 12 anni è cambiato molto. Però non basta, ora occorre un’innovazione del Pd. È necessario innescare un processo nuovo che allarghi e aggreghi intorno al Partito democratico, perché noi siamo gli unici che parlano con quello che si muove nella società».

. Ma «rafforzamento» del Pd a parte, ci vorrebbe anche un rafforzamento del governo. «La legge di Bilancio ha chiuso il azzardo-bancarotta e ha messo le premesse per un nuovo schema. Ma certo ora bisogna mettere in campo delle politiche. E occorre avere profilo, contenuto e visione».

, ma l’economia italiana è in affanno. «E bisogna riaccenderla. Il piano per l’Italia che abbiamo lanciato a Contigliano rappresenta proprio la sfida dei contenuti, per parlare al Paese. Dobbiamo creare lavoro, giustizia sociale e benessere».

. Anche se le ultime mosse di Italia viva e del movimento di Carlo Calenda sembrano aver spiazzato il Pd. Iv non appoggerà Pippo Callipo in Calabria. «Il voto a Callipo - dice Zingaretti - è l’unico modo per fermare la Lega, non si buttino voti facendo regali a Salvini».

nemmeno Michele Emiliano. A Zingaretti queste operazioni, unite alla soluzione di Italia viva di schierarsi con il centrodestra sulla prescrizione, non piacciono. Quando torna al Nazareno spiega ai suoi: «La verità è che hanno paura della centralità del Pd. E poi temo che Renzi voglia rompere...».

nei confronti di Calenda e, soprattutto, di Renzi, imputato di fare il gioco della destra.