M5S News

M5s, Cabras: “Io bandito, nessun ricorso perché qualche cosa può nascere”

ROMA – Pino Cabras, deputato bandito dal gruppo parlamentare del Movimento 5 Stelle per non avere votato la fiducia a Draghi, annuncia in una intervista a Radio Popolare che non farà ricorso contro l’espulsione e che una nuova forza politica è una conseguenza di quanto accaduto.

“Non farò ricorso- dice Cabras- non ci sono le condizioni per ristabilire un rapporto di fiducia con il gruppo dirigente che ha compromesso qualsiasi possibilità di lavorare insieme. Si prende atto di una nuova condizione storica da parte di alcuni di noi”.

Una eventuale nuova formazione politica, per Cabras “è una conseguenza della nuova dinamica parlamentare che si è realizzata. Chi vuole fare opposizione lo vuole fare anche in modo organizzato e quindi ci organizzeremo di conseguenza“.

Di Battista sarà un riferimento? “Di Battista è un libero pensatore che dice cose interessanti– risponde Cabras- ma ci rivolgiamo a tanti che nella società italiana hanno questa posizione”. Ma nessun nuovo partito, precisa, “non corriamo in questo senso, le costruzioni non partono dal tetto, siamo sponda parlamentare e raccoglieremo le istante di opposizioni che si formeranno nel prossimo periodo e siamo lievito di qualche cosa può crescere nella societa’”.

Quanto a Grillo, “non siamo irriconoscenti- conclude Cabras- ma lui è diventato irriconoscibile. Draghi non è diventato grillino ma Grillo diventato draghiano“.