M5S News

Carlo Calenda: "Centrodestra e M5S pericolosi per l'Italia, spero Renzi premier"

Il ministro a Radio Capital: "L'emergenza economica non è ancora superata, bisogna fare pochissimo trionfalismo e stare con i piedi per terra"

Se dopo le elezioni "non avremo una politica economica seria e un governo in grado di esercitarla andremo convegno a seri problemi" perché l'emergenza economica non è stata del tutto superata, per cui "bisogna fare pochissimo trionfalismo e stare con i piedi per terra". Ad affermarlo è il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, a Circo Massimo su Radio Capital.

Due proposte su tre (quelle del centrodestra e del Movimento 5 Stelle), ha spiegato il ministro, "sono pericolose per l'Italia perché non tengono conto della fragilità economica e tendono a assicurare tutto a tutti, dalle pensioni minime all'abolizione del bollo auto, cose forse giuste ma che non ci possiamo permettere". Per Calenda il centrodestra con le sue promesse "mette a azzardo i conti del Paese" mentre M5s propone "una fuga dalla realtà dove si sostituisce il lavoro con redditi inventati". Quanto a Liberi e Uguali, Calenda definisce "trumpiana" la prima proposta di Pietro Grasso, l'abolizione di tutte le tasse universitarie. Il centrosinistra, invece, ha spiegato ancora, "ha portato l'Italia fuori dalla recessione e ha ridotto il deficit".

Calenda, conferma di non voler correre alle prossime elezioni politiche. Fare il parlamentare, dice a Circo Massimo su Radio Capital, "non è il mio lavoro. Mi piace gestire e farlo secondo una visione politica. Darò una mano al centrosinistra ma non ho velleità di fare la riserva della Repubblica anche perché sono troppo giovane, né di fare oscure macchinazioni: Gentiloni è un premier molto migliore di come io potrei essere e mi auguro che se il centrosinistra vincerà lo faccia Renzi". Le larghe intese, aggiunge, "le vedo complicate anche se sarebbero necessarie soprattutto se fossero alla 'tedesca'. Ma l'Italia è reduce da uno scontro violentissimo tra destra e sinistra. Non so se ci sono le condizioni per chiederle".

Sul canone Rai, "mi pare che Renzi si sia corretto e che voglia solo continuare ad abbassarlo e questo è giusto ma abolirlo e farlo pagare con la fiscalità generale è uno sbaglio".