M5S News

Porti, approvata in Regione la mozione del M5S per l’elettrificazione delle banchine

Più informazioni su

Regione. Approvata la mozione del MoVimento 5 Stelle per l’elettrificazione delle banchine liguri. “Una vittoria straordinaria per il territorio e per i cittadini liguri che rappresenta un passo fondamentale per avviare una rivoluzione troppo a lungo attesa, decisiva per l’abbattimento delle emissioni inquinanti portuali”, dice Alice Salvatore.

“Con questo atto abbiamo impegnato la giunta a sollecitare le Autorità Portuali a mettere in campo iniziative concrete per mitigare l’impatto ambientale derivante dalle attività portuali e ad estendere l’elettrificazione ai porti di Genova, Savona e La Spezia; a promuovere un monitoraggio mirato sulla qualità dell’aria nelle zone urbane vicine ai porti; infine a garantire il contenimento delle polveri sottili anche attraverso tecnologie all’avanguardia”.

“Naturalmente gli impegni che il M5S chiedeva erano di più e maggiormente vincolanti. Ma l’approvazione di questa mozione rappresenta comunque una svolta (speriamo decisiva) nel processo di elettrificazione delle banchine: una soluzione che chiedevamo da tempo e che contribuirà finalmente a liberare i centri abitati liguri da un inquinamento dannoso e pericoloso per la salute e assolutamente evitabile”.

Sempre in ambito portuale, oggi “la giunta Toti boccia la nostra mozione sulla prevenzione del azzardo di incidenti rilevanti nei porti liguri – dice ancora Salvatore – E lo fa con motivazioni fantasiose o, peggio, prive di ogni fondamento da parte dell’assessore Rixi, che, messo alle strette, si rifugia in una presunta mancanza di competenze regionali e l’impossibilità da parte della Regione di intervenire sul delicato tema del azzardo di incidenti rilevanti nei nostri porti”.

“In realtà, come Rixi dovrebbe sapere, le Regioni possono intervenire sul tema e porlo all’attenzione della Conferenza Stato-Regioni, come tante volte è accaduto in passato: solo nel 2015, per fare un modello, sono stati approvati ben 31 accordi Stato-Regioni, come quello che noi chiedevamo con il dispositivo della mozione. Ciò dimostra che la nostra proposta era non solo di buon senso ma anche perfettamente possibile”.

“Quindi delle due l’una: o l’assessore non conosce le norme oppure finge di non conoscerle. Sembra che la giunta non abbia votato la nostra mozione per far risparmiare 20mila euro alle Autorità portuali: che sono solo briciole se paragonati ai costi in cui i porti rischierebbero di incorrere in caso di disastri legati agli incidenti rilevanti, che con la nostra mozione intendevamo prevenire. Insomma, ancora una volta Toti ha perso un’occasione per intervenire concretamente sulla prevenzione e affrontare i problemi concreti che interessano il nostro territorio. La chiusura totale della giunta su un tema così delicato dimostra una miopia politica che la Liguria e i nostri porti rischiano di pagare a caro prezzo”.