M5S News

Martinetti (M5S): “Al lavoro per una legge regionale a sostegno della canapa...

Martinetti (M5S): “Al lavoro per una legge regionale a sostegno della canapa agroindustriale”

Al lavoro per una legge regionale a sostegno della Canapa ad uso agroindustriale. L’oro verde del Piemonte. Il testo, a prima firma Ivano Martinetti, sarà depositato a breve in Consiglio regionale con l’obiettivo di giungere all’approvazione con il contributo di tutte le forze politiche.

“Non è più possibile ignorare un settore che nel giro di pochi anni a livello generale passerà dai 4.6 miliardi di dollari del 2019 ai 26.6 del 2025 (studio Research and Markets). Ed il Piemonte gioca un ruolo centrale, infatti la maggior parte della produzione italiana arriva proprio dalla nostra regione (fonte Assocanapa). Questo territorio tra l’altro, ospita una specie autoctona: la Canapa gigante di Carmagnola. Gli utilizzi sono i più svariati: agroalimentare, biomedico, cosmetico, tessile, bioedilizia. – così Ivano Martinetti, Consigliere regionale M5S Piemonte – La proposta di Legge vuole dare “concreto sostegno alla filiera della canapa industriale in Piemonte, riconoscendone le peculiarità con interventi concreti di valorizzazione, fino alla possibile ipotesi di creare un distretto della Canapa in Piemonte”.

Gli obiettivi principali del testo sono: il raccordo delle filiere territoriali locali, il sostegno all’attività di sementiera, alla meccanizzazione delle fasi di coltivazione, alla raccolta, movimentazione e stoccaggio, alla tracciabilità dei prodotti, all’anagrafica dei produttori e molto altro.

Oggi, nel corso della visita presso l’azienda Salute Sativa di Asti, ci siamo confrontati ed abbiamo parlato della nostra proposta di legge con il parlamentare Francesco Mollame, segretario della Commissione Agricoltura del Senato. Insieme a lui abbiamo concordato sul fatto che la produzione di canapa rappresenta uno dei tasselli per il futuro dell’agricoltura sostenibile ed a kilometro zero e che le istituzioni debbano fare la propria parte” conclude Martinetti.