M5S News

Pd, OrgoglioFucecchiese e M5s: “Non tollereremo il ripetersi di episodi tanto incresciosi”

Più informazioni su

“Siamo disponibili a un confronto politico sereno e ordinato ma, per rispetto di tutta la nostra comunità, non tollereremo il ripetersi di episodi tanto incresciosi”. Lo dicono i capogruppo del Pd Alberto Cafaro, di #OrgoglioFucecchiese Federica Banti e di M5S Fabrizia Morelli commentando il battibecco tra consiglieri che ha portato alla sospensione del consiglio comunale di Fucecchio (qui).

“Con nostro sgomento – scrivono i capogruppo -, i lavori del consiglio comunale di Fucecchio sono stati sospesi a causa di comportamenti inaccettabili. La riedificazione dei fatti è nota e non preme a noi ripeterla in questa sede, ma il fatto che la consigliera del Pd Irene Pagliaro sia stata intimorita dalle urla del consigliere della Lega Leonardo Pilastri è semplicemente intollerabile. La consigliera si è dovuta rivolgere ai militi dell’arma dei carabinieri, che sono prontamente intervenuti e ne hanno raccolto il disagio. A loro, come sempre, va il nostro ringraziamento.

Esprimiamo la nostra più convinta solidarietà alla consigliera Pagliaro per quello che è solamente l’ultimo di una serie di episodi che da tempo stigmatizziamo e di cui è spesso protagonista lo stesso consigliere. Riteniamo che questi atteggiamenti siano gravi e non più tollerabili. Con posatezza e senza intento polemico, li abbiamo più volte segnalati in conferenza dei capigruppo, ma senza successo. Nel condannare quanto avvenuto, vogliamo rivolgerci ai rappresentanti di tutti i partiti, chiedendo unanime condanna e ricordando che col nostro atteggiamento dobbiamo tutti essere modello per i cittadini, rappresentarne la voce in Consiglio e così contribuire al bene della nostra città.

Un ultimo messaggio – il più importante – lo rivolgiamo infine proprio ai cittadini: nulla di quanto avvenuto durante questo sconcertante episodio è politica. Questi atteggiamenti non sono parte di un normale, serrato confronto fra le parti. Se si ascia che questa sia la normalità, tutti noi avremo fallito. Viviamo in una Repubblica democratica e non possiamo ammettere atteggiamenti intimidatori da parte di neppure uno – specie se si tratta di fatti avvenuti in una sede istituzionale e democratica quale appunto il Consiglio”.