M5S News

Convenzione società pesca lagunare, Pd e M5S: «Apprendiamo le notizie dalla stampa o da Fb. Non c’è confronto»

Più informazioni su

ORBETELLO -“Abbiamo appreso dalla stampa che l’amministrazione ha dato incarico ad uno studio legale di fama nazionale per un ulteriore parere sulla questione della proroga della convenzione con la Società Orbetello Pesca Lagunare. Siamo letteralmente allibiti: i cittadini devono considerare che l’amministrazione, nel maggio 2017, aveva dato incarico all’avvocato Nicola Tamburro di studiare la questione, e nel dicembre 2017 gli aveva affiancato l’ingegnere Angelo Lupo per l’attività di supporto tecnico. Ed ora, a pochi giorni dalla scadenza della convenzione ventennale, l’amministrazione chiede un ulteriore parere, che stando alle dichiarazioni del sindaco Andrea Casamenti su Facebook dovrebbe essere reso addirittura in una settimana. Cioè una sorta di miracolo di Natale”. A parlare i consiglieri comunali dei gruppi Pd -Area Riformista e M5S Alfredo Velasco, Luca Aldi, Mauro Barbini, Monica Paffetti e Anna Papini.

“Ma ci rendiamo conto – continuano – che la scadenza della convenzione con la Società Orbertello Pesca Lagunare era una di quelle certezze che la Giunta aveva dinanzi al momento del suo insediamento nel giugno 2016?  Oltretutto né il sindaco, né altri esponenti dell’amministrazione hanno mai sentito il dovere e la necessità di confrontarsi con i gruppi di opposizione e nemmeno di tenerli informati sulla vicenda e noi abbiamo dovuto apprendere le notizie dalla stampa o addirittura da Facebook, mezzo di comunicazione prediletto dal sindaco. Inoltre al 31 dicembre scade anche l’accordo di programma con la Regione per la gestione ordinaria della laguna, ed anche su questo tema l’amministrazione tiene tutti all’oscuro”.

“Casamenti – concludono i consiglieri di opposizione – ancora di più ha dimostrato di essere un dilettante allo sbaraglio e sta portando il Comune nel caos su una questione di importanza capitale per la nostra comunità e che interessa direttamente il lavoro di circa cento famiglie”.