M5S News

M5s contro rom e immigrati per nascondere il flop elettorale

Il Movimento Cuinque Stelle prova a nascondere la batosta elettorale. I dati del flop grillino alle amministrative sono impietosi e così i "big" del Movimento cercano di smuovere le acque per non parlare del flop alle urne. E così si giocano la carta della propaganda (tardiva) e di annunci in serie. Nel mirino dei 5 Stelle entrano gli immigrati e i rom. Ad aprire la partita è il sindaco Virginia Raggi che in mattinata ha inviato una comunicazione alla Prefettura in cui chiede che vengano di fatto limitati gli ingressi dei migranti a Roma. Un messaggio chiaro quello della Raggi che non usa giri di parole: "Trovo impossibile, oltre che rischioso, ipotizzare ulteriori strutture di accoglienza, peraltro di rilevante impatto e consistenza numerica sul territorio comunale", si legge nella lettera inviata dalla Raggi. E ancora: "Per tali motivi, questa amministrazione, in considerazione degli elevati flussi di migranti non censiti, auspica che le valutazioni sulle dislocazioni di nuovi insediamenti tengano conto della evidente pressione migratoria cui è sottoposta Roma Capitale e delle possibili devastanti conseguenze in termini di costi sociali e di protezione degli stessi beneficiari, evitando di gravare, ulteriormente, sul territorio comunale". Poi è il turno di Grillo che invece mette nel mirino i rom sul suo blog. In un post si legge: "Stop. Questa storia si chiude qua. Ora a Roma si cambia musica. Chiusura dei campi rom, censimento di tutte le aree abusive e le tendopoli. Chi si dichiara senza ricavo e gira con auto di fasto è fuori. Chi chiede soldi in metropolitana, magari con minorenni al seguito, è fuori. In più sarà aumentata la vigilanza nelle metro contro i borseggiatori. Nessuno prima d'ora aveva mai affrontato il problema in questo modo". Insomma il Movimento prova a cambiare rotta per rimediare agli errori della campagna per le amministrative. Ma ormai è tardi. Su 140 comuni che vanno al ballottaggio solo 8 vedranno un candidato M5s. E su 225 centri il Movimento ne ha portati a casa solo 2. Numeri che parlano da soli. Difficile nascndere la polvere sotto il tappeto...