M5S News

Sondaggio, centrodestra senza rivali. M5s, Pd e Renzi nei guai

Non c'è storia: qualora il centrodestra si presentasse unito alle elezioni, le vincerebbe a mani basse. Anche l'ultimo sondaggio realizzato da Ixè per Cartabianca – il talk show politico condotto da Bianca Berlinguer sulla terza rete Rai – conferma il primato di Lega, Fratelli d'Italia e Forza Italia.

A una manciata di giorni dal voto in Emilia-Romagna e in Calabria (l'appuntamento è fissato a domenica 26 febbraio), ecco che arriva la rilevazione su scala nazionale dell'istituto demoscopico.

I numeri raccontano di una Lega in leggero calo (di mezzo punto percentuale) ma comunque saldamente la prima forza politica italiana: il Carroccio di Matteo Salvini, infatti, si attesta al 29% delle preferenze.

Alle spalle della compagine leghista ecco il Partito Democratico di Nicola Zingaretti & Co., dato stabile al 20% dei consensi.

Sempre più in difficoltà il Movimento 5 Stelle: secondo Ixè, rispetto alla stima della settimana scorsa, il partito guidato da Luigi Di Maio cala di un ulteriore 0,3%, affondando al 15,9%.

Trend ben diverso, invece, per Fratelli d'Italia. Da mesi, infatti, il partito fondato da Giorgia Meloni viaggia col vento in poppa e a vele spiegate: secondo i dati raccolti dall'istituto demoscopico FdI cresce dello 0,2% e arriva al 10,9%, insidiando ormai da "vicino" i pentastellati, distanti ora cinque punti percentuali tondi-tondi.

Si mantiene stabile Forza Italia di Silvio Berlusconi, che nonostante perda lo 0,3%, rimane al 7% delle indicazioni di voto. Dietro agli azzurri cerca di farsi spazio Italia Viva: il partito di Matteo Renzi guadagna lo 0,6% e torna sopra il 4% (4,2% per l’esattezza).

Sale, anch'essa dello 0,6%, La Sinistra, che tocca il 3,6%. In risalita anche Più Europa di Emma Bonino (2,5%) ed Europa Verde (1,6%), mentre Azione di Carl Calenda cala di tre decimi di punto e si ferma così al'1% tondo-tondo. Dietro di lui, allo 0,8%, Cambiamo! di Giovanni Toti.

Infine, gli indecisi e gli astenuti, che rappresentano il "partito"” più forte: sono il 35,8% del campione intervistato.

La fiducia nei leader

Dai numeri dei partiti ai numeri dei leader politici, in relazione al tasso di fiducia. Il primo della lista è il presidente del Consiglio Giuseppe Conte che, seppur in calo, ottiene il 39%. Secondo gradino del podio per Giorgia Meloni: la leader di FdI è al 34% e supera Matteo Salvini, sceso al 32%. Dunque, ecco Nicola Zingaretti col 24%, Luigi Di Maio al 20%, Silvio Berlusconi con il 19% e Matteo Renzi con il 13%.