M5S News

Sicilia, piano amianto. Pignatone (M5s): “Nei siti minerari di San Cataldo e Milena no a deposito di rifiuti speciali. Miniera Bosco già è bomba ecologica”

Sicilia, piano amianto. Pignatone (M5s): “Nei siti minerari di San Cataldo e Milena no a deposito di rifiuti speciali. Miniera Bosco già è bomba ecologica”

“Non è ipotizzabile utilizzare miniere dismesse dagli anni ’80 e da allora discariche di amianto mai bonificate, per depositare altri rifiuti speciali provenienti da quasi tutta la Sicilia. Inammissibile, peraltro, che dei quattro siti indicati dalla Regione per lo stoccaggio e lo smaltimento di amianto proveniente da tutta l’Isola, ben due siano in provincia di Caltanissetta non lontani da centri abitati”.

“Da diverso tempo, – va avanti Pignatone – evidenzio in particolare la problematica della miniera Bosco di San Cataldo, già interessata da un processo per disastro ambientale in corso e oggetto di indagini: gli 8 mila metri quadrati di eternit, infatti, hanno portato la procura di Caltanissetta, nel 2014, a dichiarare l’area sotto sequestro, imponendo alla Regione la bonifica dell’area che, invece, non è mai avvenuta.

30 anni di inquinamento e mancate bonifiche in una miniera per cui oggi sono a processo 3 funzionari regionali. Sul tema, avevo fatto anche un intervento in Aula nel dicembre scorso, ma purtroppo, tocca constatare che tutto ciò che riguarda la tutela e la valorizzazione di questo sito è rimasto inascoltato. Risulta, inoltre, che la parte esterna del sito minerario di Bosco presenta oggi una subsidenza importante, in pratica il terreno sta sprofondando a livello geologico e pertanto, risulta davvero inammissibile che si preveda un sito di stoccaggio in quel luogo”.