M5S News

Firme false M5s Palermo, l’investigatore: “Sentite duemila persone. 1.104 non hanno riconosciuto la propria calligrafia”

Con la deposizione di Giovanni Pampillonia, dirigente della Digos di Palermo, entra nel vivo il processo per le cosiddette “firme false” del M5s alle comunali del capoluogo siciliano di cinque anni fa. Alla sbarra, dinanzi alla giudice monocratica di Palermo, Luisanna Cattina, 14 fra attivisti, ex attivisti e deputati del Movimento 5 Stelle. Il testimone: "Quella notte dissi: ma siete pazzi? È una follia, è una grande cazzata. Ma, soprattutto, è un reato penale"