M5S News

Camere, rottura Berlusconi-Salvini: la Lega vota Bernini, ok di Di Maio. Ma lei rinuncia

Al via la XVIII legislatura con l'insediamento del nuovo Parlamento e l'elezione dei presidenti di Camera e Senato e sulla trattativa per eleggere i vertici di Montecitorio e Palazzo Madama si consuma subito lo strappo tra la Lega e Forza Italia. Salvini, infatti, alla seconda votazione per la presidenza di Palazzo Madama vota Anna Maria Bernini (candidato Fi più digeribile per i 5Stelle che infatti parlano di «segnale positivo») anziché Romani, ovvero il candidato voluto da Berlusconi. La senatrice vede Berlusconi e rinuncia ma il dato è che c'è aria di intesa tra il Carroccio e i Pentastellati.