M5S News

M5S, Di Battista: «Ci vogliono agenti provocatori che smascherino politici corrotti»

«Salvini è tenuto per gli attributi da Berlusconi totalmente... Lì comanda totalmente Berlusconi. Ma dove va Salvini? Non farà mai, mai, il presidente del Consiglio...». Lo ha detto Alessandro Di Battista, parlamentare cinquestelle, ai microfoni di "Circo Massimo" su Radio Capital.

«Non so che deciderà Mattarella. Da cittadino mi indignerei se il M5S dovesse prendere più voti e il presidente della Repubblica non ci desse l'incarico». Sull'eventuale ipotesi di una presidenza della Camera affidata a Luigi Di Maio in cambio di una maggioranza allargata Di Battista, pur ammettendo che un Movimento che abbia da solo il 40% «è difficile», precisa «Il M5S non fa questo tipo di accordi». L'appello, spiega ancora l'esponente M5S, sarà a tutte le forze politiche mentre sulla svolta data da Di Maio al Movimento Di Battista spiega: «la bontà del suo lavoro sarà giudicato» ma «si stanno avvicinando molte persone che prima erano scettiche».

I primi provvedimenti che un governo M5S dovrebbe varare, secondo Di Battista, «sono l'istituzione di una banca pubblica d'investimenti a sostegno delle imprese e su modello tedesco e una legge durissima anti-corruzione. Dobbiamo introdurre gli agenti provocatori nella pubblica amministrazione: un agente della polizia che dà la mazzetta a un politico e se lui la prende, va in galera. Questo è un paese corrottissimo, dove addirittura gli ospedali sono stati sciolti per camorra». Sul ricavo di cittadinanza il deputato uscente invece spiega: «per prenderlo bisogna lavorare per il comune d'attinenza e inserirsi in un tragitto formativo. Per me nulla è più sbagliato dell'assistenzialismo».