M5S News

M5S, le regole per votare e candidarsi in Sicilia aprono la strada alle parlamentarie

Ecco le regole studiate a Milano da Davide Casaleggio per candidarsi e votare online in Sicilia. Regole che torneranno utili per le parlamentarie e quindi per le prossime elezioni politiche una volta stabilita la leggee elettorale. Dal punto di vista organizzativo per i pentastellati dunque la Sicilia sarà un laboratorio nazionale.

Oggi infatti il M5S ha aperto la selezione per le prossime elezioni regionali in Sicilia che si terranno il 5 novembre a cui possono partecipare solo gli iscritti siciliani dal luglio 2016. Le votazioni online sono due: la prima è quella di oggi e, novità, gli iscritti / elettori sono divisi per circoscrizione e per formare la lista (prima votazione) possono dare al massimo due preferenze solo ai candidati della propria provincia.

Si sceglie tra una platea di 700 candidati (i requisiti principali premiano attivismo e fedeltà: non avere carichi pendenti, non essere tesserati in altri partiti, non essersi candidati in altre liste dal giorno in cui è nato il M5S ovvero il 4 ottobre 2009, aver votato almeno una volta su Rousseau, non aver ricevuto una sanzione disciplinare negli ultimi 6 mesi, poi non ricoprire già cariche elettive) per giungere a eleggere  i 70 candidati della lista M5S. La seconda votazione servirà invece per selezionare il candidato presidente M5S tra i 70 candidati che avranno dato la disponbilita a correre per la presidenza.  Il nome che circola con più insistenza è quello di Giancarlo Cancelleri, il leader dei grillini in Sicilia, che da mesi gira tutta l'isola. Tra i candidati ci sono i deputati M5S uscenti Giampiero Trizzino, Valentina Zafarana e Francesco Cappello. Il 9 luglio arriveranno in Sicilia Beppe Grillo e Davide Casaleggio ad annunciare, durante una convention prevista per le 19.30, al Castello a Mare di Palermo, il nome ufficiale del candidato presidente. Il front man della serata sarà l'eurodeputato siciliano Ignazio Corrao, uomo di fiducia dei vertici.

 «Sarà una festa di democrazia, sarà l'inizio della storia in cui racconteremo al mondo che la Sicilia è fatta di uomini e di donne, straordinariamente normali, che hanno deciso di voltare pagina, e che neppure uno potrà fermarli!», ha scritto ieri Grillo sul suo blog.