M5S News

RIFIUTI. GRUPPO PD, MUNICIPIO XV: “DOPO ANNI IL M5S DICE NO A COMPOSTAGGIO”

No al compostaggio a Cesano: una nota il gruppo del Pd del Municipio XV

ROMA- “Oggi, a seguito del Consiglio straordinario sull’impianto di compostaggio di Cesano e Osteria Nuova, finalmente la maggioranza Cinque Stelle del Municipio dichiara e formalizza la sua contrarietà al progetto. L’atto in questione é stato votato all’unanimità, con il solo voto di privazione del gruppo di Fratelli d’Italia. Ci verrebbe dire: finalmente anche il M5S ha detto no, alla buon’ora. Meglio tardi che mai. Per noi é una prima vittoria e lo é anche per chi, tra cittadini, forze politiche e associazioni, in questi anni hanno sostenuto le ragioni del no.

Dopo le ingenti somme spese da parte di Roma Capitale e di AMA, e dopo che l’allora capo politico del M5S in piena campagna elettorale disse che l’impianto di compostaggio di Cesano e Osteria Nuova era una conquista, oggi siamo nelle condizioni di poter dire “purtroppo” che avevamo ragione e ci fa piacere che il M5S del Municipio abbia cambiato idea votando l’atto di contrarietà all’impianto.

Sono tre anni che, pur ribadendo fondamentale il compostaggio nella gestione dei rifiuti, dichiariamo non consono questo progetto: frutto di una scelta folle e dannosa non per Roma Nord, ma per l’intera città.

Lo confermano peraltro le dodici pagine di prescrizioni che la Regione Lazio ha formalizzato nella valutazione di impatto ambientale. Prescrizioni che costeranno più dell’impianto stesso.

Noi da sempre, oltre alla contrarietà abbiamo espresso l’esigenza di far dipendere le scelte localizzative alla pianificazione cittadina degli impianti oltre all’istituzione dell’osservatorio che abbiamo fatto a maggio scorso, ma oggi comunque ci riteniamo soddisfatti. Se da una parte è positivo il ripensamento del M5S territoriale contro quello romano e nazionale, non possiamo essere contenti per la confusione e l’incapacità del M5S capitanato dalla Sindaca Raggi: invece di trovare soluzioni, in questi anni si è occupata solo di cercare scuse per non risolvere la questione rifiuti e il voler continuare con questo progetto irrealizzabile lo conferma. La localizzazione è sbagliata e ha fatto già perdere troppo tempo e troppi soldi ai cittadini romani che continuano ad avere l’immondizia per strada. Nel frattempo, la raccolta differenziata è addirittura regredita e peggiorata. Con il voto di oggi, dal Municipio XV è arrivato un messaggio chiaro e unitario: la Sindaca ascolti e smetta di insultare una città che non sopporta più questa confusione”.

Riportiamo un articolo del 3 Agosto 2020 di VignaClaraBlog

Compostaggio Cesano-Osteria Nuova: positiva la “VIA”, si ribellano i comitati  

Nel cuore di un’estate anomala, mentre i più si concedono un relax contingentato fra mascherine ancora obbligatorie e situazioni contagi da covid19 altalenanti anche nella nostra regione, riesplode in tutta la sua forza la vicenda “impianto compostaggio a Cesano-Osteria Nuova” che pareva sopita, quasi sedata da circa un anno.

A farla riesplodere  la “Pronuncia di Valutazione di Impatto Ambientale ai sensi dell’art. 27-bis del D.Lgs. 152/2006 e s.m.i. progetto “Realizzazione impianto di produzione compost di qualità da raccolta differenziata rifiuti urbani”, Comune di Roma, località via della Stazione di Cesano, società, proponente: AMA SpA” pubblicata sul sito della Regione Lazio in questi giorni.

Nel documento, del tutto inatteso, si dà parere positivo alla compatibilità ambientale del progetto e si stabiliscono le condizioni e le prescrizioni per la sua realizzazione (che dovrà avvenire entro cinque anni) che dovranno essere espressamente recepite nel successivo provvedimento autorizzativo.

Una soluzione a favore del progetto che arriva dopo una bocciatura di fatto dello stesso avvenuta a maggio 2019  quando nella seduta della “conferenza di servizi”, organismo nel quale sono coinvolti e rappresentati tutti gli attori coinvolti nel processo decisionale, furono grossi come macigni gli stop a partire da quello del Municipio XV, passando per quello di dipartimenti capitolini all’Urbanistica e all’Ambiente  per giungere alla ciliegina della Sovrintendenza Capitolina ai Beni culturali che, accertata la presenza nell’area di reperti archeologici, scriveva: “esaminata la documentazione integrativa presentata, pur comprendendo la pubblica utilità dell’opera si esprime per quanto di stretta competenza parere negativo”.

Ottenuta da allora una lunga proroga, AMA ha rivisitato il progetto smontando le eccezioni sollevate ottenendo così, questa volta, una VIA (Valutazione Impatto Ambientale) positiva che spiana la strada alla realizzazione dell’impianto di compostaggio.

Immediata la reazione a livello locale e della variegata platea di “Comitati per il NO” (Comitato “NO al compostatore”, Comitato di Quartiere “Insieme per Cesano”, Comitato di Quartiere “Osteria Nuova”, Consorzio “Poggio dei pini”, Associazione “Progetto comune”) che promettono iniziative a breve.

“Una vera aggressione alla periferia nord di Roma

“A fermare questa scelta alquanto insensata – si legge sulla pagina facebook “No alla realizzazione di un impianto di compostaggio Osteria Nuova – Cesano” –  non sono bastate le scuole a circa 1 km e centri di associazione vari, i centri abitati di Osteria Nuova ad 1Km scarso, quello di Cesano a 1,5 km, il Centro Enea Casaccia addirittura sotto il Km, il consorzio Due Pini a poche centinaia di metri, la confinante Radio Vaticana e le sue antenne e molte altre motivazioni di carattere geologico/archeologiche, vedi falde acquifere affioranti, vedi acquedotti Paolo e quello Alsietino traccianti l’area in oggetto di costruzione.”

“Non sono bastate le molteplici fonti di inquinamento come il deposito di combustibile di rifiuti nucleari all’intimo di Enea Casaccia, per cui la cittadinanza già percepisce ristoro dai fondi Nazionali del CIPE, non sono bastati a convincere che la zona non fosse idonea neanche se risulta già vessata da altri disagi prodotti dal grande depuratore del Lago diBracciano detto CO.BIS, neanche è stato sufficiente per cessare che da poco e stato costruito un altro impianto l’ennesimo, quello di depurazione delle acque reflue da parte di Acea, insistente nella stessa zona. Non sono bastate e infine minimamente prese in considerazione le criticità riguardanti la viabilità, quest’ultima risalente ai primi anni 60 anni dello scorso secolo, quando a passare erano poche centinaia di veicoli.”

Si tratta, secondo l’opinione pubblica locale, di “una vera aggressione alla periferia nord di Roma con consumo di suolo a favore del cemento e contaminazione di aree di pregio agricolo“.

Misure di mitigazione: 62 le prescrizioni

Per dovere di cronaca, va anche detto che la VIA è stata rilasciata condizionandone la validità a ben 62 prescrizioni,  numerose delle quali onerose e che inchiodano l’AMA ad un rigorosissimo rispetto delle linee progettuali e a quelle, quando sarà, di esercizio.

A sottolinearlo anche Daniele Torquati, capogruppo PD in Municipio XV, sostenendo che la scelta  di realizzare l’impianto in quel sito, a metà strada fra Cesano e Osteria Nuova, “è una scelta folle e dannosa non per Roma Nord, ma per l’intera città: lo confermano le dodici pagine di prescrizioni che la Regione Lazio ha formalizzato nella valutazione di impatto ambientale. Prescrizioni che costeranno di più dell’impianto stesso. Credo e spero che le stesse peseranno in sede di conferenza di sevizi che dovrà aprirsi per l’autorizzazione integrata ambientale (AIA).”

Secondo Torquati, “La battaglia persa in questa prima fase contro il Campidoglio e il Municipio XV compiacente non può, non deve fermarsi e non si fermerà. Il M5S romano invece di trovare soluzioni in questi anni occupa il proprio tempo nel cercare scuse per non risolvere la questione rifiuti e il continuare con questo progetto irrealizzabile lo conferma. È una localizzazione sbagliata che ha fatto già perdere troppo tempo e troppi soldi ai cittadini romani che continuano ad avere l’immondizia per strada, mentre la raccolta differenziata è addirittura regredita e peggiorata“.

Un nuovo autunno “caldo”?

Non tanto dal punto di vista climatico quanto da quello sociale, un nuovo autunno caldo è all’orizzonte di questo estremo lembo di Roma Nord. Di saper organizzare vigorose ma civili proteste i residenti e i comitati locali ne hanno dato già prova negli anni passati (è ormai da giugno 2017 che si parla di questa vicenda) ed è chiaro che non si fermeranno. Erano anche disposti a parlare e contribuire alla soluzione smaltimento rifiuti ma avevano pur sempre affermato con ogni mezzo che il sito scelto non era idoneo.

“Certamente la città di Roma necessita di impianti per il trattamento dei rifiuti ma le soluzioni si debbono trovare in prossimità delle grandi strade di comunicazione, vedi GRA, non di certo lontane dalla produzione dei rifiuti e non certo investendo la periferia più lontana con ulteriori penalizzanti situazioni di degrado e con viabilità praticamente già al collasso” sostengono da tempo. E lo ribadiscono oggi, anticipando un nuovo e secco NO all’impianto di compostaggio sotto casa.