M5S News

Elezioni comunali, ricorso M5s contro elezioni sindaco di Casteltermini

Sarebbe stata violata una normativa che tutela la parità di condizioni fra i candidati, parità che sarebbe stata falsata da condizioni personali

CASTELTERMINI - Il M5S presenta un ricorso al tribunale di Agrigento sulla ineleggibilità di Gioacchino Nicastro a sindaco di Casteltermini per «la violazione del combinato disposto degli artt. 3, comma 1, L.R. 7/1992 e 9, comma 1, n. 9 e comma 2, legge regionale n. 31 dell’'86, in quanto amministratore delegato, alla data di presentazione della lista, della Giomatrix soc. coop. sociale che gestisce una residenza sanitaria assistita a Casteltermini, autorizzata e convenzionata con l’Asp di Agrigento», scrivono.

«La normativa - spiega il consigliere capogruppo Filippo Pellitteri - tutela la parità di condizioni fra i candidati dall’essere falsata da condizioni personali che avvantaggino ingiustamente chi, facendo leva sulla propria posizione di potere connessa con la fornitura di servizi pubblici essenziali, l'assistenza sanitaria in questo caso, potrebbe accaparrarsi la simpatia delle persone che ruotano attorno a quei servizi, come dipendenti o utenti. Non riconosceremo Nicastro come sindaco, almeno sino agli esiti dell’azione popolare che stiamo promuovendo": i cinquestelle invitano gli elettori a produrre la copia della propria tessera elettorale entro domani per predisporre la procura 'ad litem', una dichiarazione con la quale si conferisce a un procuratore il potere di rappresentanza nel processo; al momento oltre 30 cittadini hanno aderito.

Intervengono anche i deputati del M5S all’Ars Giancarlo Cancelleri e Matteo Mangiacavallo: «Gli elettori facciano sentire forte la loro voce, li invitiamo a partecipare in massa all’azione popolare messa in campo dai portavoce M5S eletti al consiglio comunale di Casteltermini».