M5S News

Fugge dalla Comunità di recupero dopo aver aggredito alcuni coinquilini: arrestato

Il M5S di Parma, anche tramite la lista certificata delle recenti elezioni Comunali, ha denunciato insistentemente negli ultimi mesi gli effetti che le politiche sanitarie applicate in Regione dalla giunta a guida Pd e perseguite dalle singole Ausl, tra cui quella di Parma, stanno producendo sul diritto alla salute dei cittadini.

“Tagli e privatizzazioni da un lato incentivano accordi affaristici sulla pelle dei malati, – scrive in una nota il M5s – come nel caso vergognoso della attuale inchiesta Pasimafi sulla sperimentazione di farmaci in pazienti inconsapevoli; dall’altro indeboliscono gravemente le prestazioni sanitarie pubbliche, costringendo i malati e le loro famiglie a farsi carico di spese talvolta insostenibili”.

“A quanto ci risulta da informazioni ufficiose, – continuano – a causa dell’infinita spending review dell’Azienda Ospedaliera di Parma, sono disponibili in Clinica Chirurgica Generale soltanto 12 posti letto, un numero irrisorio per una città come Parma (a Guastalla, soltanto per fare un modello, i posti letto nello stesso reparto sono una quarantina). Di conseguenza diverse persone che hanno urgenza di essere operate rischierebbero di non potere fare l’intervento, in particolare i pazienti dell’Oncologia. Inutile dire che si tratta di una condizione drammatica. Probabilmente soltanto una delle tante che si generano nel momento in cui un diritto costituzionalmente garantito, come quello alla salute, viene subordinato a mere logiche di bilancio, logiche di bilancio che invece non vengono seguite con altrettanto zelo quando si tratta di spendere denari pubblici a favore di gruppi privati che vengono chiamati a sostituire il pubblico nella gestione di determinate prestazioni sanitarie.

Chiediamo pertanto all’Azienda Ospedaliera di fare chiarezza: i dati che abbiamo appreso in forma ufficiosa sono o meno veritieri, in parte o in tutto? Esiste o non esiste un grave problema di posti letto a Parma? Come si intende affrontarlo? La spending review sta mettendo a azzardo altre prestazioni sanitarie? Che cosa si intende fare per garantire il diritto alla salute dei parmigiani? La vicenda Pasimafi ha modificato o modificherà in qualche modo le politiche regionali e aziendali oppure si intende proseguire sulla stessa strada di graduale smantellamento della presenza pubblica con conseguente incremento delle esternalizzazioni a gruppi privati?”