M5S News

Nesci (M5S): “Partita cruciale, fermare deriva privatizzazione”

- “Nelle prossime settimane ci attende una partita cruciale, quella dell’utilizzo delle risorse del Recovery Fund, che dobbiamo giocare al meglio per consegnare al Paese una sanità pubblica più efficiente, equa e vicina ai cittadini, guardando ben oltre l’emergenza che stiamo vivendo”. Lo dichiara Dalila Nesci, deputata del MoVimento 5 Stelle in commissione Affari sociali.
 
“I nostri obiettivi sono molto chiari: occorre innanzitutto fermare la deriva della privatizzazione e dare priorità alla sanità pubblica, da Sud a Nord, per un accesso universale alle cure. Puntiamo al superamento conclusivo della ‘quota capitaria pesata’ come criterio di finanziamento dei sistemi sanitari regionali, all’aggiornamento e rifinanziamento del tariffario dei Livelli essenziali di assistenza”.

“Condividiamo con il ministro Speranza l’accento posto sul concetto di ‘prossimità’”, sottolinea: “si dovrà lavorare molto per convertire i piccoli ospedali sul territorio e realizzare una vera sanità di prossimità, e finanziare le reti territoriali e ospedaliere ampliando l’attuale numero di posti letto per abitante”.

Recovery Fund. Speranza in audizione: “La parola chiave deve essere prossimità. Nei prossimi anni da privati investimenti per 1.000 miliardi di euro. L’Italia sia attrattiva”

Covid. Sì alla Camera a due mozioni su promozione vaccino antinfluenzale. Ma non passa la proposta di valutare la possibilità delle vaccinazioni in farmacia

Come trovare e gestire i contatti di un caso Covid. Dal Ministero della Salute le nuove indicazioni. Ma per i tamponi resta la prescrizione solo per chi ha sintomi

Infermiere di famiglia. Ce ne sarà uno ogni 6.000 abitanti, saranno alle dipendenze dei distretti ma lavoreranno in sinergia con i medici di famiglia. In arrivo le linee guida delle Regioni

Come trovare e gestire i contatti di un caso Covid. Dal Ministero della Salute le nuove indicazioni. Ma per i tamponi resta la prescrizione solo per chi ha sintomi

“Per la medicina generale è il momento dell’adesso o mai più. E ai colleghi dico: basta visioni vintage, dobbiamo evolverci altrimenti chi vuole distruggerci avrà vita facile”. Parla il leader Fimmg, Silvestro Scotti