M5S News

Sondaggi, monopolio M5S-Lega: Di Maio e Salvini sono al centro della scena. Ma i dem resistono

Quali intese? Posizioni simili ma numeri diversi secondo Index Research: che da il M5S al 34,9%, la Lega che frantuma quota 20 salendo al 23,5%, il Pd al 17,5%, Forza Italia al 10,9%, Fd'I al 3,3% e Leu al 2,1%. Nello stesso sondaggio si rilevano anche le preferenze per lo scenario post voto: il 28,5% scegli un governo M5S-Lega, il 16,9% un governo di scopo appoggiato da tutti i partiti, l'11,2% un governo M5S-Pd e il 9,1% un esecutivo larghe-intese-standard tra centrodestra e centrosinistra. Per il 12,1% è necessario tornare al voto al più presto.
 
Il governo e le prime leggi. Poi le rilevazioni che si concentrano sull'asse Lega-M5S. Per Swg - commissionato da Il Messaggero - l'alleanza tra Salvini e Di Maio è giusta per il 12% degli intervistati, auspicabile per il 26%, impossibile per il 17%, sbagliata per il 32%. Ancora Index Research ha chiesto quale dovrebbe essere il primo atto del nuovo governo: la Flat Tax è prima al 22,9%. Seguono: il ricavo di cittadinanza (18,7%), l'abolizione della Fornero (14,1%), la limitazione dell'immigrazione (12,2%), l'abolizione dei vitalizi (10,9%).
 
I leader. L'Istituto Piepoli per La Stampa ha stilato l'indice di gradimento dei possibili presidenti del Consiglio. E alla domanda "Chi tra questi leader preferirebbe come premier per il bene del Paese?" il 25% risponde Di Maio, il 20% Gentiloni, il 19% Salvini, l'8% Emma Bonino. E per quanto riguarda la fiducia nei leader, la fase di incertezza premia la stabilità: Il presidente della Repubblica Mattarella raggiunge quota 67% mentre il premier uscente Gentiloni è al 46%. Il 44% degli italiani ha fiducia in Luigi Di Maio, il 34% in Matteo Salvini, il 23% in Beppe Grillo. L'ex segretario del Pd Matteo Renzi è al 21%.