M5S News

Varazze, #DignitàTour e programma elettorale, Battelli (M5S) "spegne" gli insulti sui social: "Non li abbiamo cancellati ma mi sono fatto un'idea su chi li ha scritti"

All'convegno al Palazzetto dello sport con i senatori Paragone e Botto, il candidato Lanfranco ha esposto alcuni punti sul quale si concentrerà durante la campagna elettorale varazzina

Il senatore Gianluigi Paragone in visita a Varazze questa sera ha trattato il tema del Reddito di Cittadinanza e Quota 100, insieme alla senatrice Elena Botto, il deputato varazzino Sergio Battelli e a Massimo Lanfranco, candidato sindaco alle prossime elezioni comunali.

Ma non solo, nel Palazzetto dello Sport varazzino, sono stati esposti alla cittadinanza anche i diversi punti del programma sul quale si concentreranno i pentastellati durante la campagna elettorale a Varazze: un lavoro preciso all'intimo del comune, il concetto di città normale, un preciso interesse ai progetti europei, un rilancio di Parco Europa, un'attenzione per i figli e gli anziani e un turismo forte 365 giorni l'anno. 

"Non presenteremo un programma classico ma campi di interesse sul quale svilupperemo delle azioni. Punteremo sulla gestione normale della città, la trasparenza è il perno principale del Movimento 5 Stelle, si intende sia in quello che facciamo noi che la possibilità per tutti i cittadini di interagire con la macchina comunale. Troviamo che sia importante rivitalizzare Varazze in tutte quelle attività che i cittadini utilizzano sia per gli stessi che per i turisti. I giovani e gli anziani hanno bisogno di tante attività complementari per poter vivere bene la città" spiega il candidato primo cittadino Massimo Lanfranco.

"Massimo Lanfranco porterà un'assoluta indipendenza, il Movimento è l'unico partito presente realmente, gli unici che hanno un logo nazionale e europeo sul simbolo, non ho mai fatto parte di nessun partito e farò tutto quello che deve fare un buon amministratore, gestire la macchina comunale senza pensare più di tanto alla politica" continua Lanfranco.

Non mancano gli attacchi agli avversari, l'attuale sindaco Alessandro Bozzano è sempre al centro a causa degli endorsement del presidente della Regione Toti, del Pd e del senatore della Lega Bruzzone oltra all'altro candidato Enrico Caprioglio che si è presentato giovedì scorso specificando di non voler nessun appoggio politico: "Continuerò ad attaccare il sindaco sui social, credo che la nostra ricetta sia sincera, vera e a breve presenteremo tutti i nostri punti concreti non il libro dei sogni che siamo abituati a leggere qua a Varazze. La lista civica come la intendono loro è perché non si vogliono esporre con il logo, sono liste civette con membri di altri partiti, mettono insieme tante teste per portare voti, quando si vince è difficile formare la giunta facendo così non funzionano e ci rimettono i cittadini" spiega il deputato M5S varazzino Sergio Battelli.

Nei giorni scorsi sulla pagina Facebook "Movimento 5 Stelle Varazze" è stato pubblicizzato l'convegno con Paragone e Botto e sotto i diversi post sono fioccati i commenti negativi contro i pentastellati che poi sono spariti con la precisazione di una utente, Battelli ha chiarito il caso: "Non sono stati cancellati, ricevo quantità infinite di insulti non li ho mai tolti è molto sbagliato, la trasparenza è anche sicuramente quando c'è l'attacco, non spingo mai a cancellarli, vanno tenuti tutti. Ho visto poi da dove arrivavano certi tipi di attacchi e mi sono fatto un'idea però la rete è libera ognuno esprime la sua espressione".

Gianluigi Paragone ha voluto fare un in bocca al lupo al candidato sindaco: "Tutte le volte che ho l'occasione di parlare con i nostri candidati, io dico sempre di ricordarsi che quello che faranno in campagna elettorale gli deve restare nella memoria nel momento in cui si andrà a governare, devono ricordare che tutto quello che stiamo facendo lo dobbiamo restituire ai cittadini".