M5S News

Duro scontro M5s-Lega, Grillo: "Salvini traditore politico" | La replica: "Vogliamo votare, voi volete i clandestini"

Il fondatore del Movimento 5 stelle: "Rosatellum miracolo italiano, magica convergenza Pd-Fi-Lega per una legge inappuntabile"

"Matteo Salvini ha gettato definitivamente la maschera. È uno di loro. E questo è il post conclusivo che conferma tutta la sua incoerenza. Matteo Salvini è un traditore politico". Così Beppe Grillo commenta su Facebook un post del Movimento 5 stelle che attacca il leader della Lega. Tra le accuse al leader leghista, l'aver copiato il programma del M5s e l'ipocrisia di chi vota leggi opposte alle battaglie che dice di voler portare avanti.

Le accuse - La Lega Nord di Salvini - scrive Grillo - dopo gli scandali degli investimenti in Tanzania e dei diamanti comprati da Belsito con i soldi pubblici era arrivata al 3%. Per risollevarsi Salvini in questi mesi ha fatto un lavoro sporco: ha copiato e si è appropriato dei temi e di gran parte del programma politico-elettorale del MoVimento 5 Stelle ed ha iniziato una finta campagna elettorale contro il sistema dei partiti". Per argomentare le accuse di incoerenza, Grillo scrive: "Davano del mafioso e del piduista a Berlusconi e ora sono fedeli alleati nelle Regioni e nei Comuni. Volevano bruciare il tricolore e sono alleati della nazionalista Meloni. Urlavano "Roma ladrona" e oltre a non tagliarsi mai lo stipendio si sono intascati 180 milioni di euro di finanziamento pubblico ai partiti (di cui 48 milioni utilizzati in maniera illecita)". "Urlano 'basta tasse' e le hanno alzate quando sono stati al governo. Gridano 'onestà' e mettono i condannati nelle loro liste. Gridano 'basta immigrati' e hanno firmato il regolamento di Dublino".

La replica leghista - La risposta della Lega Nord arriva tramite una nota dei propri gruppi parlamentari Gian Marco Centinaio e Massimiliano Fedriga: "Noi vogliamo votare il prima possibile a differenza dei grillini che con la scusa di voti segreti e legge elettorale cercano di ritardare il voto per mantenere poltrone e lauti stipendi". I 28 milioni di finanziamento pubblico preso dai gruppi 5 stelle - attaccano i leghisti - forse non bastano a Grillo per continuare a pagare gli stipendi agli ex dipendenti della Casaleggio Associati e vogliono proseguire la legislatura. Nella realtà e, come dimostrato nei fatti, la Lega vuole votare il prima possibile e come abbiamo sempre sostenuto con qualsiasi legge elettorale. Noi siamo semplicemente coerenti, concetto sconosciuto ai 5 stelle che gridano all'inciucio. Peccato che nel frattempo abbiano sistematicamente votato con il Pd ad modello favorendo l'invasione e sostenendo il Governo sull'abolizione del reato di clandestinità o contro il blocco di Mare Nostrum".

Grillo, scherno sul Rosatellum: "Miracolo italiano, unite forze avverse" - "I cittadini tutti, oggi, celebrano un miracolo italiano che si pensava appartenere oramai solo ad una azzardata e folle speranza. Così si realizza l'impossibile, così oggi è divenuto realtà. Forze politiche da sempre avverse si sono unite, concentrando tutti i loro sforzi e le loro capacità di mediazione, per raggiungere un obiettivo primario e realizzare la volontà dei cittadini. Noi, oggi, siamo fieri di essere italiani. Grazie a tutti, e forse anche a Dio". È la conclusione, sarcastica, del post pubblicato da Beppe Grillo sul suo blog.