M5S News

2018 con stangata europea: pronti i tagli per le Regioni del...

RSS
Autore
Giorno e Ora
Messaggio Operazioni
Blog Di Beppe Grillo
Blog Di Beppe Grillo: 2018 con stangata europea: pronti i tagli per le Regioni del...
Blog Di Beppe Grillo
2018 con stangata europea: pronti i tagli per le Regioni del...
Intervento di Rosa D'Amato, Efdd - MoVimento 5 Stelle Europa, tenuto al Parlamento europeo durante il meeting con i parlamentari nazionali sul futuro della politica di coesione. Cari parlamentari, le Regioni più povere d'Europa oggi rischiano grosso. La proposta della Commissione sul quadro finanziario pluriennale post 2020 è una stangata sulla politica di coesione. Già adesso c'è una cattiva percezione della politica di coesione da parte dei cittadini, la sua complessità causa diffidenza verso l'Unione europea; i contribuenti non comprendono l'obiettivo della coesione, non ne conoscono le opportunità e i risultati. In Italia, in particolare nel Sud Italia, sia per una scarsa informazione, sia per un più che discutibile uso dei fondi, la politica di coesione non è credibile. È rimasto alla storia l'utilizzo di fondi europei per finanziare un concerto di Elton John a Napoli. Ricordiamo, inoltre, i risultati di alcune regioni. C'è chi vuole creare lavoro, ma non può impiegare 2000 giorni per finanziare un'impresa o addirittura 1.211 giorni (3 anni!) per approvare un unico progetto. La soluzione non è il taglio indiscriminato dei fondi o le regole punitive dell'austerity e quindi le macrocondizionalità economiche. Invece la proposta di questa Commissione sarà una riforma sempre più sottomessa a condizioni, vincoli di bilancio e riforme strutturali. Mi rivolgo ai eletti dei parlamenti nazionali: come spiegherete ai vostri cittadini che senza selvagge liberalizzazioni e privatizzazioni, senza tagli alle pensioni e agli ospedali pubblici, non ci saranno i fondi europei di coesione? Per il gruppo Efdd - MoVimento 5 Stelle nessun taglio deve essere fatto all'unica politica realmente redistribuitiva dell'UE, né alla quota percentuale né all'allocazione totale. Altrimenti è inutile riempirsi la bocca della necessità di una politica di investimenti. Faccio appello ai governi degli Stati membri, al governo italiano, alle forze politiche che li appoggiano, e in Italia al PD e a Forza Italia fedeli esecutori dell'Unione europea: - opponetevi al taglio per le Regioni più povere - lottate perché i cofinanziamenti regionali e nazionali siano esclusi dal calcolo dei disavanzi pubblici nazionali. - lottate affinché siano usate le risorse del Fondo sociale europeo per istituire un regime di reddito minimo inesistente in Italia e in Grecia". Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it